10 consigli per ridurre i costi aziendali

Eloise Bloniarz's picture

Nell’era della crisi mondiale la parola più utilizzata in ogni ambito della vita quotidiana sembra essere “risparmio”. Tutto ciò che noi facciamo ogni giorno sembra essere indirizzato verso diversi tipi di risparmio: da quello energetico, a quello di parole (e addirittura di lettere se si pensa alle abbreviazioni utilizzate nella scrittura degli sms), di tempo e di energie. Ma soprattutto è il risparmio economico quello che ci interessa maggiormente e rappresenta il perno attorno al quale ruotano tutti gli altri tipi di risparmio.

COME RIDURRE I COSTI AZIENDALI

Non solo nella vita quotidiana,ma anche in quella lavorativa si iniziano a fare i conti con i costi dell’intera macchina aziendale, puntando sempre più spesso a soluzioni che comportino una riduzione delle uscite. Per poter gestire al meglio i fondi aziendali ci sono delle piccole accortezze e strategie che sarebbe meglio seguire e che porterebbero così alla riduzione dei costi aziendali.

Prima di tutto è necessario fare un’analisi di quelli che sono i costi del proprio business, tenendo conto sia dei costi fissi che delle altre possibili spese. In secondo luogo è sempre necessario cercare di risparmiare anche su quelle spese di cui non si può fare a meno, come quelle che riguardano la cancelleria, il traffico telefonico, l’affitto: in questo caso bisogna sempre essere alla ricerca delle offerte più conveniente che fanno al caso vostro.

La terza strategia che vi propongo riguarda i metodi di archiviazione: grazie all’attuale tecnologia l’utilizzo di sistemi elettronici di archiviazione comporta degli enormi risparmi per le aziende. La quarta mossa è quella di guardarsi attorno e individuare tutto ciò che di superfluo è presente nel proprio posto di lavoro: macchinari non strettamente necessari, mobili di arredo inutilizzati, e altri elementi di cui si può fare a meno. Sempre per quanto riguarda l’uffico, è bene affittare dei locali consoni alla propria attività, le cui dimensioni non siano eccessive e il cui affitto non sia sproporzionato.

Anche nella selezione del personale bisogna prestare attenzione al fattore economico: assumere nuovo personale significa anche garantirgli un adeguato stipendio e questo non deve pesare eccessivamente sulle finanze dell’azienda, ma deve essere proporzionato al lavoro del dipendente e alle strette necessità aziendali. Altra strategia su cui puntare è l’ottimizzazione del sistema informatico aziendale, che permette un risparmio di tempo e denaro. Per quanto riguarda la pubblicità, fondamentale nell’era della comunicazione per far decollare il proprio business, bisogna cercare di essere in grado di creare slogan semplici e ripetitivi a costi bassissimi in grado di diffondersi fra la folla anche tramite il passaparola.

Le ultime due accortezze che possono tornare utili per ridurre i costi aziendali sono: tenere sempre sotto controllo i pagamenti dei propri clienti, che, se trattati con le giuste accortezze, cercheranno di rispettare le scadenze, e ascoltare il loro feed back, in modo tale da apportare le giuste modifiche al proprio prodotto o servizio, che diventerà sempre più modellato sulle esigenze dei clienti e verrà quindi scelto come preferito rispetto alle altre offerte presenti sul mercato. Insomma, anche sul lavoro è giusto tenere una mano sempre ferma sul portafogli!

Passaparola