I migliori distributori di caffè e bevande calde per ufficio

Un distributore di bevande calde – in grado di prepararci un caffè, un cappuccino, un tè o una cioccolata calda – è una necessità per tutti gli uffici di medie e grandi dimensioni. Anche se i piccoli uffici possono accontentarsi delle macchine elettriche per uso domestico, una macchina distributrice è la soluzione ideale per una breve pausa rigenerante, con una vasta scelta di prodotti per i gusti di molte persone.

Fattori importanti nella scelta di un distributore di caffè e bevande calde

Le macchine distributrici sono disponibili in diversi formati, in base al numero di utenti. Uno dei fattori principali nella scelta è senz’altro l’affidabilità del fornitore. Il distributore di bevande calde ha bisogno di frequente manutenzione, per la pulizia e per provvedere alla ricarica delle scorte. È quindi di fondamentale importanza rivolgersi ad aziende che siano in grado di fornire un puntuale servizio sul territorio.

Un altro parametro di cui tenere conto è il numero di persone che utilizzeranno abitualmente il distributore. È necessario scegliere una macchina di dimensioni adatte, per evitare di doverla ricaricare troppo spesso (se sottodimensionata), con il rischio in più di trovare esaurite le nostre bevande preferite. D’altra parte, una macchina troppo grande non è conveniente sotto il profilo del costo. La macchina adatta dovrebbe essere in grado, in base alla sua capacità di distribuzione di bevande a pieno carico divisa per il numero quotidiano medio di utenti, di garantirci un’autonomia di qualche giorno, prima di doverla ricaricare.

Un altro fattore di cui tenere conto è la scelta di bevande calde disponibili: le macchine moderne possono infatti offrire un’ampia scelta per tutti i gusti, oltre ai normali caffè, caffè macchiato e cappuccino, che potrebbero essere particolarmente apprezzate dai membri del nostro staff e dai nostri visitatori. Un’idea potrebbe essere quella di fare un piccolo sondaggio sulle preferenze, prima di scegliere. Per una qualità migliore, si possono anche scegliere caffè e tè di particolare marche, anche se questo probabilmente farà crescere un po’ i costi delle ricariche.

Per quanto riguarda il pagamento, alcune macchine accettano direttamente denaro: si tratta, grazie alla loro semplicità di gestione, di quelle che di solito vengono utilizzate in luoghi frequentati dal pubblico, come ad esempio negli ospedali. Altre macchine utilizzano invece vari tipi di chiavette ricaricabili, ormai quasi tutte elettroniche (quelle di tipo meccanico sono ormai da considerarsi obsolete) e sono da preferire negli uffici perché non richiedono di avere sempre a portata di mano gli spiccioli, ma funzionano acquistando del credito, che può essere ricaricato una volta ogni tanto, servendosi del distributore stesso. In alcuni uffici, anche se non sono la maggioranza, si preferisce lasciare i prodotti liberamente disponibili: una soluzione praticabile soprattutto con piccole macchine distributrici di caffè.

Scegliere il tipo di contratto per il nostro distributore di caffè


A causa del suo elevato costo, potrebbe non essere conveniente acquistare la nostra macchina distributrice di caffè e bevande calde. Molto più spesso, si preferisce invece noleggiare il distributore di caffè presso un’azienda specializzata, avendo cura di selezionarne una che garantisca un efficiente servizio locale.

Esistono diverse soluzioni contrattuali per il noleggio, ma in generale le due soluzioni più comuni prevedono la scelta tra un costo fisso mensile e un costo per bevanda servita. Il noleggiatore deve da parte sua garantire la manutenzione e la ricarica dei prodotti del distributore di bevande calde. In generale, la seconda soluzione, che prevede la fornitura gratuita della macchina e in generale vincola il cliente a non recedere dal contratto per un periodo minimo, anche se può in apparenza sembrare più conveniente, risulta spesso a conti fatti più onerosa di quella che prevede semplicemente un costo di noleggio mensile.

Passaparola