Quanto conviene l’acquisto di una macchina affrancatrice?

Come ogni investimento, prima di effettuarlo, è necessario valutare se ne valga davvero la pena, analizzando i benefici e i costi specifici che lo riguardano.

Ecco presentati tre argomenti a favore e contro l’acquisto di una affrancatrice che devono essere presi in considerazione qualora ci si trovi a dover decidere sulla necessità o meno del suo acquisto.


Il primo vantaggio che comporta il possesso di un’affrancatrice è la maggiore razionalizzazione del lavoro. Ad esempio l’affrancatura manuale dei francobolli sulle buste viene eseguita tutta meccanicamente dalla macchina e ciò comporta un risparmio sul costo lavoro di circa 300 euro l’anno.
Questo calcolo riguarda solamente il processo di affrancatura lettere. Se poi si calcola anche il risparmio derivante dall’automatizzazione delle operazione di piegatura, pesatura, inserimento, e calcolo prezzo, le cifre risultano di gran lunga più significative.

Il secondo vantaggio che si ottiene con l’acquisto di un’affrancatrice riguarda gli sconti postali. Infatti se si prende come esempio una tassa di affrancatura di almeno 200 euro, la Deutsche Post AG effettua uno sconto pari all’1%. Calcolato in riferimento a una lettera standard, questo significa uno sconto che corrisponde a poco più di 0,5 centesimi.

Il terzo vantaggio da non sottovalutare è l’aspetto più professionale della corrispondenza. Oggigiorno le aziende di medie e grandi dimensioni inviano la propria corrispondenza con francobolli e timbri personalizzati.
Anche le piccole imprese oggi possono permettersi di produrre il proprio logo aziendale grazie all’acquisto di una macchina affrancatrice lettere, creando anche un messaggio promozionale o un timbro personalizzato. Questo vantaggio non può essere quantificato con una somma corrispondente in euro, ma è pur sempre un beneficio di cui può godere l’azienda.

Il costo di una macchina affrancatrice rappresenta una spesa che va dai 600 euro per i modelli base e di piccole dimensioni, ma può raggiungere anche i 2000 euro per le macchine più potenti, cono una capacità di più di 100 lettere al giorno. Il che corrisponde a 1-3 centesimi per lettera, costi di riparazione compresi.

Per quanto riguarda i tempi di adattamento dello staff a questo nuovo prodotto? I fornitori assicurano che l’utilizzo della macchina affrancatrice è facile da imparare. Inoltre se si desidera è attivo un servizio telefonico di assistenza per rispondere a qualsiasi domanda o problema dei produttori e venditori.

Ora non resta che prendere una decisione.

In base all’analisi fatta e alla quantità della propria corrispondenza, bisogna scegliere il modello che più corrisponde alle proprie esigenze, in grado di integrarsi alla perfezione all’interno dei processi già esistenti.

Solitamente ci si può riferire a questo schema:

fascia molto bassa: fino a 10 lettere/giorno
fascia bassa: da 10 a 150 lettere/giorno
fascia media: da 150 a 1000 lettere/giorno
fascia alta: oltre le 1000 lettere/giorno

Ora che siete a conoscenza di tutti i vantaggi che comporta l’acquisto di una macchina affrancatrice potete decidere se procedere all’acquisto di un tale prodotto per migliorare il vostro business.

Passaparola